Azioni coordinate per gli ordini e documenti del farmacista dott. La Falce

Alcuni farmacisti, durante l’assemblea dell’ordine di Torino dello scorso 24 maggio, hanno espresso chiaramente le loro osservazioni sulla appropriatezza prescrittiva e sul ruolo stesso del presidente dell’ordine dei farmacisti e degli stessi consiglieri, in quanto vigilanti, sul corretto utilizzo dei farmaci (compreso l’utilizzo dei vaccini per la Covid-19).

Ed è alla luce di quanto espresso in quella occasione e in combinato disposto con la querela, che come IDU (Istanze Diritti Umani) abbiamo presentato contro AIFA e EMA, e in ultimo con il ricorso al TAR del Lazio per costringere AIFA a esibire i PSUR, che abbiamo iniziato a collaborare con il dr. La Falce (qui il video-incontro).

Crediamo fortemente che i presidenti e i consigli direttivi degli ordini tutti debbano essere richiamati alle loro responsabilità, e non basta più che si giustifichino con il “applichiamo la legge”. Ed è giusto che ognuno dei professionisti sanitari appartenenti agli ordini di Torino, in primis, così come quelli appartenenti agli altri ordini possano contribuire al raggiungimento di quanto ci siamo prefissi, dopo aver messo a conoscenza il presidente dell’ordine e i consiglieri di quanto espresso dai farmacisti di Torino, sui contenuti della appropriatezza prescrittiva, chiedere:

  1. Con quale farmaco ogni sanitario iscritto all’ordine di appartenenza potrebbe ottemperare all’obbligo dal momento che non risulterebbero, attualmente in Italia, farmaci indicati per la prevenzione della trasmissione del virus Sars-CoV-2.
  2. Quali siano le evidenze scientifiche a supporto della legge 648/96 e su quale elenco della 648/96 sia stata aggiornata la nuova indicazione off-label.
  3. Quali siano le evidenze scientifiche a supporto della legge 648/96 e su quale elenco della 648/96 sia stata aggiornata la nuova indicazione.
  4. Considerato che non sono state prese in considerazione le categorie dei pazienti con pregressa infezione da Sars CoV-2, quali sono gli studi riguardanti persone che hanno contratto la malattia e successivamente sottoposte a vaccinazione (ciclo primario e booster e fasi intermedie di infezioni).

In conclusione il professionista sanitario formalizzerà contestualmente al Presidente dell’Ordine e ai consiglieri, la richiesta di considerare la possibilità di revocare in autotutela ogni sospensione a carico dei propri iscritti almeno fino a quando il ministero della salute non darà riscontro alle osservazioni fatte, e di comunicare ai propri iscritti direttamente impegnati nelle attività di vaccinazione delle possibili ripercussioni legali nel caso in cui i fatti esposti saranno posti al vaglio della magistratura.

Nel frattempo, i nostri legali collaboreranno con il dr La Falce per predisporre un esposto proprio sulla violazione prescrittiva e sulle anomalie riscontrate dall’errata applicazione della Legge 648.
La comunicazione che ognuno invierà al proprio ordine, sarà corredata dagli allegati a supporto di quanto richiesto.

Consigliamo di inviare una mail e una pec. Divulgate l’iniziativa a tutti i conoscenti che svolgono la professione sanitaria, indipendentemente dal fatto che si sia o meno sospesi. Lo scopo è di informare il più possibile i nostri dirigenti e soprattutto far giugere la notizia della nostra iniziativa al maggior numero di sanitari possibile dal Piemonte alla Sicilia.

Il corpo del testo della mail (di seguito in grassetto è indicato cosa scrivere), unitamente ai file che trovate in allegato, dovrà essere inviato al:
– proprio ordine professionale (Consiglio Direttivo e Presidente)
– Sindaco della propria città di residenza

– Sindacati con cui si hanno contatti o a cui si è rilasciata delega (tesseramento sindacale)
– Avvocati con cui si hanno contatti

OGGETTO: DOMANDE PER ADEMPIERE AGLI OBBLIGHI DI LEGGE

“Pregiatissimi,
si prega di prendere visione e di mettere agli atti i documenti in allegato.
Vista la delicatezza della questione posta, sotto il profilo delle responsabilità penali e civili eventualmente derivanti, si sollecita un formale riscontro a mezzo PEC. Cordiali saluti

firma ______________

Si consiglia altresì, oltre ai documenti allegati, di leggere e approfondire alcuni documenti ufficiali presenti nel sito AIFA:

 pag. 17 ultime 5 righe https://www.aifa.gov.it/documents/20142/0/Procedura_Operativa_RLFV_ottobre-2018.pdf

 le responsabilità mediche e il consenso informato; leggere l’elenco dei farmaci off label dove dovrebbero trovarsi anche i vaccini in eterologa e terza dose al di fuori delle indicazioni autorizzate in scheda tecnica. Infatti, dopo la comunicazione della CTS, la comunicazione del Ministero e la pubblicazione in GU, avrebbero dovuto aggiornare l’elenco della 648/96 presente sul sito (ma non lo hanno fatto).

https://www.aifa.gov.it/legge-648-96

Giusy Pace
Presidente IDU PLVDA-APS – Coordinamento SIM, Società Italiana di Medicina

Qui i documenti da scaricare:

Testo EMA del Comirnaty,

Legge 648-96,

Articolo Gazzetta Ufficiale,

Trascrizione testo La Falce,

testo per gli ordini professionali.

Per approfondire puoi scaricare anche il Vademecum legale.